mercoledì 1 marzo 2017

Migliaia di persone per il Carnevale Racalmutese. L'amministrazione comunale: "E' il successo dei nostri ragazzi"

"Ancora una volta i ragazzi di Racalmuto hanno dimostrato che il paese può trasmettere un'immagine positiva della nostra comunità", commenta così l'assessore Cultura Turismo e Spettacolo del Comune di Racalmuto il grande successo del "Carnevale Racalmutese" che si è concluso ieri sera con migliaia di presenze in piazza, tra cui molti provenienti anche da Grotte, Castrofilippo, Canicattì e altri centri limitrofi.
"La serata conclusiva del nostro Carnevale - dice l'assessore Picone - ha dimostrato che il modello organizzativo avviato con questa amministrazione comunale funziona: coinvolgere i gruppi di ragazzi e riconoscere loro l'impegno per la realizzazione dei carri e cercare sempre più di coinvolgere la comunità. Con la Pro loco anche quest'anno siamo riusciti a mettere su un programma che ha coinvolto tutti, grandi e piccini". "Ed inoltre - aggiunge - la presenza di molti venuti da fuori ha incoraggiato i commercianti che in questi giorni di Carnevale hanno avuto un positivo riscontro".
Ieri sera, dopo la sfilata dei due carri allegorici per le vie del centro storico, in piazza Umberto I si è svolta la serata finale con discoteca all'aperto. Ha vinto l'edizione 2017 del Carnevale Racalmutese il carro allegorico "Super Mario". Applausi e una targa anche al secondo carro, "La dea bendata".
Premiati anche i ragazzi della scuola media, la miglior maschera e il miglior gruppo mascherato.
Sul palco il sindaco Emilio Messana ha ringraziato i ragazzi che hanno preparato i carri allegorici, gli artisti e quanti si sono impegnati per l'ottima riuscita della kermesse. Messana ha inoltre ringraziato pubblicamente la locale Stazione dei Carabinieri,  la Polizia municipale e la Pubblica Assistenza Volontari Riuniti per la presenza costante e la fattiva collaborazione per la riuscita dell'evento.



Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Racalmuto LA PROTESTA