martedì 6 settembre 2016

LU SCIUMI VINNI MARI di Giovanni Salvo


LU SCIUMI VINNI MARI
di
Giovanni Salvo


-IL FIUME DIVENNE MARE-
Sintissi piscaturi , a vossia dicu
SENTA PESCATORE, DICO A LEI
Un favureddru mi lu putissi fari?
MI POTREBBE FARE UNA GENTILEZZA?
Stu sciumi ju vulissi attravirsari
VORREI ATTRAVERSARE QUESTO FIUME
Cu sti me carti, cu stu pisanti plicu
E PORTARE I MIEI LIBRI CONTENUTI DENTRO QUESTA PESANTE SCATOLA
Li pizza di sta varca vogliu addrizzati
LA PRUA DI QUESTA BARCA DESIDERO RADDRIZZASTEPuntati drittu , la spunna a mia talia
PUNTATE VERSO LA SPONDA DI FRONTE A ME
Nenti cunta si st’acqua vuddrulia
NON IMPORTA SE IL FIUME NON E' TRANQUILLO, SE L'ACQUA SEMBRA BOLLIRE
Lieggiu du riga , e vuj la forza dati
IL TEMPO DI LEGGERE DUE RIGHE, MENTRE VOI DATE FORZA AI REMI
Sintissi piscaturi, ascuntassi la me vuci
SENTA PESCATORE ASCOLTI LE MIE PAROLE
Ma di Nanà ni canusciti fama?
HA MAI SENTITO PARLARE DI LEONARDO SCIASCIA?
Lu scritturi ca la tinacia ama
LO SCRITTORE CHE NEI SUOI LIBRI AMO' PARLARE DI TENACIA ?
E cu la spata scrissi di la Nuci?
LO STESSO CHE SEMBRO' USARE LA PENNA COME FOSSE UNA SPADA, MENTRE SCRIVEVA DALLA NOCE, LA SUA CONTRADA DI CAMPAGNA SICILIANA?
Lu piscaturi allintannu la furzata
IL PESCATORE SCOSSO DA QUELLA INSOLITA DOMANDA, ALLENTO' LA REMATA
Rispusi scunsulatu cu cuscienza
SCONSOLATO TENTO' DI RISPONDERE DICENDO LA VERITA'
Iu marinaru sugnu, nun amu scienza
IO SONO UN POVERO MARINAIO, NON AMO LA CULTURA
Sti grazza sunnu la me arti amata
QUESTE BRACCIA SONO LA SOLA ARTE CHE APPREZZO
Oh ! pisciteddru chi cosa vi pirditi
OH! PESCIOLINO, CONTINUO' IL COLTO PASSEGGERO, COSA VI SIETE PERSO NELLA VITA
Lu sapiri sempri salva la vintura
LA CONOSCENZA SPESSO SALVA LA VITA
E’ comu na riti ca pisca la natura
COME LA RETE CHE PESCA IN FONDO AL MARE TUTTO CIO' CHE TROVA
Un amu ca ti percia, senza firiti
UN AMO CHE S'INFILZA MA NON FERISCE
Lu piscaturi allura fici na’ dumanna
A QUEL PUNTO IL PESCATORE VOLLE FARE LUI UNA DOMANDA
Vidennu ca lu sciumi vinni mari
NOTANDO CHE IL FIUME SI STAVA INGROSSANDO
Ma vuj sapiti macari anchi natari?
MA VOI SAPETE OLTRE A LEGGERE ANCHE NUOTARE?
Chi cà, sapiri sulu, è già cunnanna.
PERCHE' QUI SOLO IL SAPERE E' GIA' UNA CONDANNA.
Giovanni Salvo

(“Per me l'uomo colto è colui che sa dove andare a cercare l'informazione nell'unico momento della sua vita in cui gli serve.”)
UMBERTO ECO

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Racalmuto LA PROTESTA