venerdì 10 luglio 2015

Acchiana cavaddru acchiana (Poesia di Vincenzo Castronovo)

Acchiana cavaddru ,acchiana di la scalunata
n'ginocchiati a li piedi di la n'curunata
fallu pi prumissa o pi sfilata
o pi dari anuri a sta jurnata.

Allistutu di armigi e di cianciani
fa trimari u cori a sti cristiani
accumpagnatu di li tammurina
vuddri lu to sangu intra la vina.
Ndarrié nun pò turnari , ci ha pinzari prima
rii la testa e punta la to cima
giri ntunnu arrivatu a la batia
nun ti scantari , la Beddra Matri ti talia .
Li rietini t'allenta n'miezzu la fuddra
e dú cuorpi di taccu ti cafuddra
chissu e lu signali , parti e un ti firmari
li to fierri n'capu cuti , scintilli a na fari.
Sposta lu vientu chi a davanti
fatti largu tu ,n'miezzu la genti
cu la to criniera fatta a trizza
sposta lu vientu e fá ca l'accarizza.
Ad ogni passu si sempri chiú vicinu
pi adurari la madonna cu lu bamminu
e ora c'arrivasti all'urtimu scaluni
n'ginocchiati pi la grazia di lu to patruni.

(Poesia di Vincenzo Castronovo)

1 commento:

  1. Metafora di vita.......parole con grande energia tipico della vera poesia. Camillo

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Racalmuto LA PROTESTA